giovedì 14 novembre 2013

Gintama [manga]

Salve, come prima recensione per inaugurare il blog e in particolare la mia sezione, ho scelto Gintama, uno dei miei manga preferiti. 
Tutto ebbe inizio con la forgiatura dei grandi anelli in un pomeriggio del lontano 2007, quando per la prima volta mi avventurai nel mondo dei Manga. Il primissimo manga che presi in mano, quello che mi portò a leggerli, fu Death Note consigliatomi da Alerage. Più il tempo passava e più mi ritrovavo con una montagna di Tankoobon di serie diverse e di generi diversi. Un giorno andai in fumetteria per cercare qualcosa di nuovo. Rimasi a guardare gli scaffali per ore senza trovare qualcosa che potesse soddisfarmi. Stavo per perdere le speranze quando, nell'angolo più remoto del negozio, il dorso bianco con una scritta gialla dai bordi rossi e un piccolo e buffo personaggio situato nella parte bassa, attirò la mia attenzione.
Appena presi il volume rimasi a guardare la copertina, dove uno strano samurai dai capelli bianchi "salta fuori dal mondo". "Gintama - pensai - ne ho già sentito parlare". Decisi così di prenderlo e mannaggiaquantoèbello!



<<Pietà dici? se ne avessi così tanta da darne agli altri sicuramente la userei in modo diverso. L'unico vero combattimento è  quando ci si batte per proteggere qualcosa.>>
Gintoki





Gintama (Tradotto: Anima D’Argento) è un manga demenziale creato dal Maestro Hideaki Sorachi. E’ apparso per la prima volta nel 2003, nella nota rivista giapponese Shonen Jump, raccolto nell’anno successivo in volumi (detti Tankobon) e pubblicato da Shueisha. In Italia è distribuito dalla Planeta DeAgostini.



E’ stato tratto un Anime  trasmesso in Giappone a partire dal 2006 su Tokyo TV, mentre in Italia è giunto nel 2007 grazie alla Dynit e trasmesso sul noto canale televisivo MTV. Sono stati prodotti due  OAV (Original Anime Video), presentati al Jump Festa nel 2005 e nel 2008, e due film d’animazione usciti nelle sale giapponesi: Gekijoban Gintama – Shin’yaku Benizakura-hen uscito nel 2010 e  Gekijoban Gintama – Kanketsu-hen – Yorozuya yo eien nare uscito il 6 Luglio 2013.



<<Allora, immagina che durante il giorno hai bevuto troppo latte alla fragola. La notte ti svegli perché devi andare in bagno, ti accorgi però che fuori dalle coperte fa freddo e non ti va di uscire dal letto. Dopo un po' hai un bisogno di urinare insopportabile. Agonia, ansia, dilemma. Il momento si fa impellente così decidi di andare in bagno. Sei in piedi davanti alla tazza, tiri fuori, spari, ti senti liberato! Per un istante pensi che si viva solo per un momento come questo, ma poi ti rendi conto che non sei in bagno, hai solo sognato, sei ancora dentro al letto. Tra le gambe si allarga la sensazione di qualcosa di caldo però non puoi fermarti, non ce la fai. Eccola qui, questa è la verità. è questo che significa essere un bevitore di latte alla fragola, capito???!>>
Gintoki


Ci troviamo a Edo, l’odierna Tokyo, conosciuta come La Terra dei Samurai. I guerrieri, fedeli al loro Bushido, girano pieni di forza e orgoglio, con le loro “Schiene Dritte” e le loro spade affilate, per le strade del paese. O almeno, questo è ciò che accadeva un tempo. Adesso i Samurai vivono un periodo di vergogna e miseria a causa della conquista della terra da parte di una razza aliena chiamata Amanto. Gli alieni giunsero sulla terra di punto in bianco, sconfiggendo la resistenza e prendendo il controllo della terra dopo una guerra durata vent’anni. Dopo aver preso il potere e costruito il Terminale, un porto di navi spaziali situato al centro di Edo, gli Amanto proibirono l’uso della spada nell’ intero paese segnando un inesorabile declino per i Samurai e per i Dojo.
Le vicende si svolgono nel quartiere di  Kabuki-cho (Attualmente è un quartiere a luci rosse) dove c’è ancora un uomo fedele al Bushido. Il suo nome è Gintoki Sakata, un eccentrico Samurai che gestisce un’agenzia Tuttofare, la Yorozura. Al fianco di Gintoki troviamo i due “apprendisti”: Shinpachi Shimura e la giovane aliena dalle sembianze di una ragazzina cinese, Kagura. Quello che fanno ogni giorno…….. Quello che Non fanno ogni giorno è cercarsi un lavoro e  guadagnare qualcosa e pagare l’affitto, ma riescono benissimo a mettersi nei guai ovunque vadano. E’ una parodia degli Shonen più famosi come Death Note, Bleach, Dragon Ball e One Peace, solo per citarne alcuni. Perché se pensate di saper eseguire correttamente un Fulmine di Pegaso, vi sbagliate di grosso.




<<I sentimenti umani sono superficiali, ed effimeri,
ma se si potessero toccare sentiremmo una sensazione di calore.
Chissà perché il canto del cuore ci rende fragili,
ma da tepore alle gelide punte delle dita

e ci commuove.>>
Narratore
    





Una dei tanti aspetti che amo di questo capolavoro della demenza, sono i personaggi e le loro caratteristiche. Potrei passare intere giornate a parlarvi di ognuno di loro, ma essendo davvero tanti, è meglio far una breve presentazione. Di seguito riporto i personaggi principali, ma vi assicuro che non sono gli unici imbecilli della storia. Conoscete già Prosciuttina? No? Allora correte a leggerlo!


Gintoki Sakata
È il protagonista della storia. Un tempo faceva parte del gruppo JOI (Piano per l’espulsione degli Amanto) conosciuto da tutti con il nome di Demone Bianco, famoso per la sua furia e per i suoi capelli, ricci naturali di colore Argento. Adesso va in giro per le strade di Edo in sella al suo scooter e alla sua inseparabile spada di legno acquistata durante una gita al Lago Toya. A causa dell’elevata glicemia, è costretto a mangiare i dolci e bere latte alla fragola una sola volta a settimana. 



Shinpachi Shimura
È un dipendente dell’Agenzia e non ha mai visto un solo stipendio. Ha deciso di lavorare per Gin, dopo che egli salvò sua sorella dalle grinfie di un pappone, per apprendere la via del Samurai.  E’ l’unico che ha il senso del dovere ed è anche l’unico a pagare le bollette. Shin è noto per essere il capitano del fan club di Otsu, un Idol di cui è innamorato.






Kagura
E’ un’ aliena del temibile Clan Yato, famoso per la sua forza. Giunse sulla terra per trovare un lavoro e guadagnare abbastanza soldi per la sua famiglia. Grazie alla sua forza trovò un incarico come sicario presso una banda criminale di Edo. Dopo molte vittime, Kagura decide di smettere perché comprende il male che fin ora ha distribuito. Il famoso boss dalla capigliatura Afro, decide di porre fine alla sua vita perché, se dovesse finire in mani sbagliate, rappresenterebbe la rovina del suo clan. Viene salvata da Gintoki e arruolata nell’agenzia. Mangia di continuo senza porsi limiti, il suo cibo preferito sono le Alghe sotto aceto, i Sukombu.



Sadaharu
Un enorme cane alieno appartenete all’agenzia, spesso morde la gente, in particolare Gin.









Kondo Isao
Capitano della Shinsengumi, la polizia di Edo. E’ perdutamente innamorato di Otae, la sorella maggiore di Shinpachi, non fa altro che seguirla ovunque vada. A causa del suo sedere villoso, non ha successo con le donne, l’unica che lo amerebbe è Otae. E’ un uomo molto stupido, ma anche saggio.





Hijikata Toshiro
Vicecomandante della Shinsengumi. Un tipo molto freddo quanto forte. Puo’ uccidere un uomo con un rapido e preciso colpo della sua katana. E’ un amante della maionese, tanto da metterla ovunque. Ha le pupille dilatate. 






Sogo Okita
Il temibile spadaccino della Shinsengumi. Un volto angelico che nasconde un demone. Il suo obiettivo è il posto da vicecomandante e per farlo devo solo uccidere Hijikata.







Otae Shimura
Sorella maggiore di Shinpachi. All’apparenza è una leggiadra principessa, ma l’apparenza inganna! In realtà è estremamente violenta.









Terada Ayano
conosciuta come La Signora Otose E’ la padrona di un locale notturno di Kabuki-cho, situato al piano inferiore dello stesso edificio dove è presente l’agenzia tuttofare, di cui è proprietaria. E’ la vittima a cui non viene mai pagato l’affitto.







Katsura Kotaro
non chiamarlo Zura! Uno dei veterani del gruppo Joi, nella battaglia per la difesa della terra lottava al fianco del Demone Bianco. Continua la sua missione insieme ad altri sopravvissuti del gruppo, è un terrorista che lotta contro gli Amanto.










Elisabeth
La misteriosa creatura che accompagna Katsura ovunque vada.






I personaggi che più preferisco sono Kondo e Gintoki per la loro idiozia e vi confesso di rivedermi in loro. Sono un tipo strano alla vista della gente, non so dirvi perché, posso dirvi che amo ridere. Certo, so essere serio quando la situazione lo richiede, ma se posso far qualcosa per donare un sorriso, non ci penso due volte. 




<<Per me c'è un'altra cosa più importante del cuore... è qualcosa di invisibile, ma attraversa tutto il mio corpo, parte dalla mia testa dura, passa nei miei genitali e arriva fino ai miei piedi; è dentro di me, ed è grazie a lei che posso stare dritto, posso camminare eretto anche se mi gira la testa, ma se rimango qui senza fare niente la distruggerò. La mia stessa anima verrà annientata... e per me la cosa più importante è proteggere la sua integrità, anche se significa dare la vita, ma se diventerò vecchio e curvo per gli anni la mia anima dovrà stare eretta. >>
Gintoki




<<A volte dimostra più forza una persona che insegue il suo sogno di una che lo afferra.>>
Sogo Okita



E' in assoluto uno dei generi che preferisco e tutto ebbe inizio proprio con Gintama.  A prima vista pensavo fosse il classico manga per ragazzi, dove morte, distruzione e amore vengono distribuiti in modo "gratuito". Dalla prima pagina fino all'ultima non feci altro che ridere. Il carisma dei personaggi, alcuni dialoghi senza senso, le varie parodie di manga conosciuti misti alla demenza dei protagonisti che li interpretano, fanno di questo manga un vero e proprio capolavoro della demenza. Non è solo risate e Nonsense. In alcune storie vediamo un lato "umano" dei personaggi, trovandosi in situazioni dove le lacrime non riesco a fermarsi. Trasmette diverse emozioni e insegna molti valori, tra gioie e dolori il lettore impara che nella vita abbiamo sempre bisogno di qualcuno accanto. che tu sia il tipo più freddo e solitario del mondo o circondato da molte persone, hai bisogno di un amico che ti capisca e ti ascolti e soprattutto sappia metterti di buon umore.

Concludo riportandovi questa "curiosità" trovata su internet.

Sono stati prodotti videogame per le Console Nintendo e Sony Playstation 2:
- Gintama: Yorozuya Daisoudou (NDS)
- Gintama: Gintoki vs. Hijikata (NDS)
- Jump Superstars (NDS)
- Jump Ultimate Stars (NDS)
- Gintama: Yorozuya Tube (Wii)
- Gintama: Gintama Quest (NDS)
- Gintama: GinSan to Issho! Boku no Kabukichou Nikki (PS2)
Purtroppo nessuno di questi titoli è stato rilasciato al di fuori del Giappone.
















Nessun commento:

Posta un commento