venerdì 11 luglio 2014

Largo Winch(il videogioco)



Largo Winch è un videogioco tratto da un fumetto omonimo, sviluppato da dupuis e pubblicato da ubisoft, per ps2, gamecube e pc ( da non confondersi con l'altro largo winch per psx).
Ricordo che quando presi la ps2(2005) e lo vedevo sugli scaffali pensavo che dalla copertina era sicuramente un TPS scrauso . . . ma quanto ero lontano dalla realtà?

2010, avevo il GC da più di 2 anni, avevo si e no una decina di giochi, lo trovo a 5 €, lo prendo giusto per incrementare la mia cllezione gc e per passarmi un po' il tempo.
Arrivo a casa inserisco il mini-disc ed ecco che mi ritrovo di fronte a . . . boh.

Largo winch fa parte di un genere che tanto mi attira, quanto mi annichilisce(sono una ceppa con gli enigmi), largo winch è un'avventura grafica contenente minigiochi e strani inserti rpg.

Premetto che non sono un giocatore di avventure grafiche, come ho già detto la maggior parte delle volte, queste mi escludono la loro fruizione visto il mio scarso intelletto e per quanto mi riguarda largo winch è un avventura grafica con una difficoltà tarata verso basso, nel 2010 lo abbandonai solo perchè avevo altra roba da giocare, ma solo di recente lo ricominciato e devo dire che mi ha preso(anche tanto) però non è un titolo esente da difetti.


Prima del 2010 non sapevo che il gioco fosse una trasposizione di un fumetto e non essendo interessato all'acquisto, non so se la seguente trama segui quella del fumetto o sia originale.
Siamo da poco entrati nel 21esimo secolo, Largo Winch, è il capo della winch corporation, una grande multinazionale, nata nel secolo prima grazie agli sforzi di suo padre Nerio winch.
La winch corporation è attiva in numerosi settori, tra questi la ricerca sugli OGM; Jack Place uno degli scienziati, ha dato le dimissioni, è stato ucciso e come se non bastasse delle informazioni erano state trafugate dal laboratorio, proprio nel mentre dell'inizio dell'azione umanitaria della winch in collaborazione con un'altra azienda verso alcuni paesi afflitti da guerra e carestia.

Una trama che a sentirne l'incipit, non attira per niente, tuttavia posso dire che lo sviluppo è veramente particolare, in certi livelli sembra addirittura stia prendendo una piega alla "codice da vinci", ma s/fortunatamente(non so decidere) rimane una trama con i piedi per terra.

Come ho già detto, largo winch è un'avventura grafica (alla broken sword) ma presenta diversi contenuti, per esempio numerosi minigiochi come le fasi di hacking (GRRRRRR), dove dovremo vagare per una scacchiera fatta di nodi informativi, che richiedono turni per essere presi e nel mentre fuggire dalle entità antivirus, o le partite a poker con operai poco raccomandabili (si, è riuscito a insegnarmi il poker), o il gioco dei 15(GRRRRRRRRRRR ODIO), o ancora un inserto gestionale INUTILE (tra una missione e l'altra possiamo dare direttive alla azienda) per non parlare dell'inserto rpg realmente strano; forse sono io ad avere una idea troppo soggettiva sulle avventure grafiche, ma di solito l'avventura grafica è l'antipode dell'azione, come ha risolto ciò studio dupuis? COMBATTIMENTI A TURNI
mettiamo in chiaro una cosa a me il sistema a turni, classico o non classico, mi piace sempre, però adattato a un contesto di "realtà" come in questo caso sembra quasi ridicolo.


Il tutto è costellato da una buona ost, ma tormentato da una regia pessima, da un motore di gioco che non si presenta sempre all'altezza, da un timing del doppiaggio pessimo, nonostante le voci siano decenti.

le ambientazioni sono più o meno tutte meravigliose, da puntualizzare 2 tappe italiane (anche se fittizie), dove incredibilimente sia i doppiatori che i modellatori, si sono messi d'accordo per realizzare tutti gli stereotipi italiani - weegee -

in breve, buona trama, buona ost, buone le ambientazioni, bassa la difficoltà, merda a fischio sulla regia e sul timing del doppiaggio.

Nessun commento:

Posta un commento